TT CUP 2019

Strato Racing Audi TT

Bellicose premesse

Il TT’s Cup by EsportSeries è il primo campionato della stagione di Assetto Corsa 2019/2020, e la Strato Racing si presenta ai nastri di partenza con una truppa agguerrita formata da, in rigoroso ordine alfabetico, Damiano Moretti, Matteo Smaila e Thomas Truffo. Le gare sono brevi e le auto facili da portare al limite: sportellate e manovre al limite sono assicurate.

Il primo Round ci porta subito al Red Bull Ring, dove i nostri alfieri spremono il massimo dalla vettura tedesca, piazzandosi in griglia compatti dall’undicesimo al tredicesimo posto (nell’ordine: Smaila, Truffo e Moretti) e divisi da soli 37 millesimi in quello che presto verrà conosciuto come il trenino Strato (cit. Pignataro).
In Gara si mette subito in evidenza Smaila che recupera fino alla settima posizione, seguito da Moretti nono, mentre Truffo perde la possibilità di lottare per la Top 5 a causa di un improvviso movimento in rettilineo di Davide Trapani (che verrà abbondantemente penalizzato per la manovra), che lo spedisce contro le barriere.

 

Road to the top!

È un campionato in crescendo per il Team Strato, e nel secondo appuntamento i nostri alfieri partono questa volta dalla settima ottava e nona piazzola, con Smaila davanti a Truffo e a Moretti, ancora compressi in pochissimi millesimi: 47 questa volta.
Nonostante una gara piena di manovre al limite i nostri riescono a resistere con Damiano Moretti che conquista la settima piazza alla fine di un duello all’ultimo respiro con Roberto Geminiani; segue Matteo Smaila, nono al traguardo, e Thomas Truffo decimo, che dopo essere piombato in ultima posizione (26^) nel corso del primo giro si è reso protagonista di una poderosa rimonta.

Nella terza tappa sul circuito di Donington continuano i progressi, e se la prima fila sfugge per pochi centesimi, dalla terza alla quinta piazza è territorio Strato con Moretti Truffo e Smaila.
La gara è ancora una volta densa di momenti concitati, ma vede i nostri stabilmente davanti dall’inizio alla fine. Matteo Smaila riesce a tirare fuori una gara di altissimo livello e a concludere secondo a ridosso del vincitore, dopo aver fatto il vuoto sul resto della concorrenza. Truffo è quinto sul traguardo ma sarà penalizzato per un’incomprensione con Murè nel primo giro, e Moretti è settimo dopo aver subito alcuni contatti durante la gara.
Pur nell’imprevedibilità di un campionato così adatto a condotte di gara aggressive e a sportellate side by side, il Team Strato si dimostra solido nell’occupare con continuità le prime posizioni.

Finale al cardiopalma

Grazie alla costanza e alla velocità dei nostri piloti ci presentiamo all’ultimo Round del campionato in lizza per la vittoria della Classifica Team, assieme al Velociraptor Racing Team, agli AKR SimRacing e ai Fast&Aged. Con ben quattro sqaudre il lizza per la vittoria finale i distacchi sono minimi e non sono ammessi errori.
La gara si corre sul tecnico tracciato portoghese di Estoril e i nostri fanno subito vedere di esserci con Smaila ancora in grande spolvero che partirà dalla seconda piazza, e poi Truffo quinto e Moretti decimo.
Ma in gara la situazione si complica immediatamente, perché se Matteo riesce ad andar via mantenendo la posizione di partenza, Truffo viene tamponato in ripartenza proprio da un pilota Velociraptor, e scivola a centro gruppo. A questo punto la sua serata si fa in salita: ha bisogno di una gara combattiva ma diligente allo stesso tempo per recuperare punti preziosi.
All’undicesimo giro però, mentre è impegnato in una lotta con Riccelli (AKR), rimane coinvolto in un discusso contatto con Murè. Il pilota GTWR, che stava conducendo una disperata rimonta nel tentativo di riagguantare il Titolo Piloti, si rende protagonista di una manovra molto aggressiva in un punto della pista dove può passare una macchina sola. Il risultato è il peggiore auspicabile, ma nonostante i gravissimi danni Thomas riparte per tentare di portare a casa più punti possibile.
Adesso la situazione si fa difficile per la Strato, perché i principali rivali del Velociraptor Team stanno andando a terminare in prima e terza posizione. Ma in mezzo a loro c’è Matteo Smaila che conquista la seconda posizione, e grazie alla determinazione di Thomas Truffo, che riesce a finire la gara (ventesimo), la Strato Racing può festeggiare la vittoria del Campionato Team.

Anche nella graduatoria individuale la Strato si difende bene portando a casa il quarto e il quinto posto con Smaila e Moretti rispettivamente, mentre Truffo, date le molte vicissitudini avute, si piazza alla fine in diciannovesima posizione.

È stata una campagna difficile, piena di colpi di scena e gare al limite, ma alla fine lo spirito di squadra e la perseveranza han dato i suoi frutti portando la Strato a trionfare in uno dei portali più competitivi del panorama italiano.

Alla prossima! E come sempre, forza Strato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *